Scrambler 1100: bentornato due valvole

Scrambler 1100: bentornato due valvole

Siamo felici di questa rivalutazione del due valvole 1100 nel mondo Scrambler, che fa del piacere di guida e del divertimento i suoi punti forti.

Ma chi l'avrebbe mai detto! Proprio nel momento in cui il libro Ducati volta pagina con una certa irruenza, proponendo per la prima volta un quattro cilindri su una moto prodotta di serie ecco che rispunta chi? Ma certo, proprio lui, il bicilindrico due valvole da 1100!Che piacere rivederti, caro vecchio e inesauribile motorone, qui nella sua versione da 1079…

Ma chi l’avrebbe mai detto! Proprio nel momento in cui il libro Ducati volta pagina con una certa irruenza, proponendo per la prima volta un quattro cilindri su una moto prodotta di serie ecco che rispunta chi? Ma certo, proprio lui, il bicilindrico due valvole da 1100!

Che piacere rivederti, caro vecchio e inesauribile motorone, qui nella sua versione da 1079 cc, la stessa che equipaggiava il Monster 1100: potente, ricco di coppia, divertente, e ora con tutte quelle diavolerie elettroniche che ci permetteranno davvero di trasformarlo ancora di più in un giocattolo superdivertente!

Del resto, il filo conduttore del brand Scrambler non è forse la cosiddetta “Land of Joy”? Divertimento che indubbiamente era già distribuito a piene mani dalla versione da 803 cc (un po’ meno il 400, a dire il vero), però qui siamo su un altro livello e basta guardarlo per rendersene conto: sarà per il doppio disco anteriore o per i due terminali di scarico, ma il 1100 sembra più moto rispetto alla sua sorellina: siamo certi che anche la prova su strada confermerà tale impressione.

Poi qui, come abbiamo già detto, siamo di fronte a un bicilindrico che dispone dei Riding Mode, del Traction Control e dell’Abs Cornering, ovvero una dotazione di gestione e di sicurezza di prim’ordine.

Che dire, sicuramente il buon vecchio due valvole ringrazia!

Con questa nuova versione, ne siamo sicuri, si avvicineranno a questo mondo anche tutta quella serie di motociclisti che non avevano preso troppo sul serio lo Scrambler, giudicandolo un “giocattolone”, nonostante le ottimi doti che ha evidenziato in questi anni; però è indubbio che il 1100 già così, a una prima visione, esprima una maggiore fisicità e poi ovvia a quello che era il tallone d’Achille dello Scrambler 800, ovvero la troppa presenza di plastica e la scarsità di, chiamamoli così, “materiali nobili” come l’alluminio e l’acciaio.

Al di là di tutte le considerazioni, rimaniamo però felici di questa rivalutazione del due valvole 1100 che torna protagonista in un mondo che fa del piacere di guida, del divertimento e della libertà i suoi punti forti.

Per la completezza dell’offerta, per le attuali richieste del mercato, per le esigenze di molti appassionati, è senz’altro la soluzione che ci voleva.

Lascia un commento