Per Ducati, nel mondiale 2009 SBK, solo il titolo costruttori

Per Ducati, nel mondiale 2009 SBK, solo il titolo costruttori

L’Ingegner Ernesto Marinelli, Responsabile Tecnico di Ducati Corse in Superbike, accetta di parlare della stagione 2009, conclusa col titolo costruttori.

Nel campionato mondiale Superbike, la Ducati ha centrato il titolo costruttori, ma ha lasciato sul campo quello piloti, essendosi dovuta piegare al talento e alla forza di Ben Spies. Un campionato lungo, combattuto, incerto fino all’ultima gara. Non ce l’ha fatta Noriyuki Haga, arrivato alla vigilia dell’ultimo appuntamento forte del vantaggio di una manciata di punti, ma afflitto da condizioni…

Nel campionato mondiale Superbike, la Ducati ha centrato il titolo costruttori, ma ha lasciato sul campo quello piloti, essendosi dovuta piegare al talento e alla forza di Ben Spies. Un campionato lungo, combattuto, incerto fino all’ultima gara.

Non ce l’ha fatta Noriyuki Haga, arrivato alla vigilia dell’ultimo appuntamento forte del vantaggio di una manciata di punti, ma afflitto da condizioni fisiche non perfette. Un weekend, quello di Portimao, difficile, condizionato da qualifiche non brillanti e appesantito da una caduta in Gara-1.

Haga, una volta di più in carriera, esce battuto nella lotta per il titolo. L’Ingegner Ernesto Marinelli, Responsabile Tecnico di Ducati Corse in Superbike, accetta di parlare della stagione: “Per tutto il campionato la moto è rimasta sempre quella: non abbiamo effettuato nessuno stravolgimento e non c’è stata nessuna evoluzione. Non conoscendo noi Haga e lui non conoscendo noi e la moto, abbiamo cercato di fargliela sentire più sua gara dopo gara.

Ernesto-Marinelli-01
L’Ingegner Ernesto Marinelli, Responsabile Tecnico di Ducati Corse in Superbike.

Quali sono stati i momenti cruciali della stagione?Quelli che ci hanno penalizzato di più sono stati due: la gara di Miller, dove abbiamo raccolto poco, e quella di Donington, con la caduta di Nori in Gara-2, dove si è fatto male, condizionando anche il risultato della gara di Brno. E’ stata la penalizzazione più grossa della stagione. Per il resto, il campionato di Nori e Ben è stata una lotta tra titani, sostanzialmente pari, dove ha prevalso su una pista uno e su un’altra l’altro. Oggi (Ernesto ci parla subito dopo la gara portoghese, ndr) hanno prevalso loro. Onore al merito.

Comunque sia, il Team Ducati ha dato vita, insieme a quello della Yamaha, a un campionato bellissimo e di questo c’è di che andare fieri: “Sì, sono orgoglioso della squadra. Abbiamo i ragazzi migliori del paddock, ormai ci conosciamo da tanti anni, siamo amici oltre che colleghi. Momenti difficili durante i weekend di gara ce ne sono tanti, ma loro hanno sempre fatto un lavoro egregio. Hanno sempre reagito, davanti ai problemi, con una velocità incredibile, poi i campionati si possono vincere o perdere, sono difficili perché si giocano al limite. Sono orgoglioso di condurre l’aspetto tecnico in una squadra che è magnifica. Con la vittoria si gioisce, con la sconfitta si cresce e sapremo prendere questa come spunto per fare meglio in futuro. La certezza che abbiamo è quella di avere dato sempre il massimo.

La Ducati, quindi, cede il titolo piloti, congedandosi dagli appassionati con una splendida doppietta: Fabrizio e Haga, nell’ordine, tagliano il traguardo di Gara-2 a Portimao. Il finale del campionato promette una squadra comunque forte nel 2010, con il giapponese che ci vorrà riprovare e il giovane italiano che ha sdoganato la via verso la vittoria.

Saranno comunque gli uomini in rosso ancora quelli da battere e c’è da scommettere che saranno loro, uno contro l’altro, i più seri pretendenti al titolo l’anno prossimo.

tecnica_ducati_1098 (3)

Ducati 1098: la tecnica

Vediamo le principali caratteristiche tecniche della nuova Ducati 1098, equipaggiata col propulsore Testastretta Evoluzione.

Questo contenuto è riservato ai soli abbonati.
Abbonandoti a Cuoredesmo.com avrai accesso illimitato ai contenuti e non visualizzerai più i banner pubblicitari. Contribuirai inoltre a sostenere il progetto "Cuoredesmo", il riferimento online per la tua passione Ducati. Accedi Abbonati
Potrai scegliere fra:
  • Abbonamento mensile al sito 3 €
  • Abbonamento trimestrale al sito 6 €
  • Abbonamento annuale al sito 20 €
  • Abbonamento annuale al sito + abbonamento 1 anno alla rivista Mondo Ducati 30 €

Andrea Tessieri

Andrea Tessieri, da sempre appassionato di motociclismo sportivo, segue le tappe italiane del WorldSBK e del mondiale GP professionalmente dalla fine degli anni novanta. Collaboratore di Mondo Ducati come fotografo e giornalista fin dai primi numeri, la propensione alla studio della storia del motociclismo sportivo lo porta alla pubblicazione di Ducati Racing, nel 1999, e del più recente Ducati Legends, uscito alla fine del 2021.

Lascia un commento