MotoGP Misano 2021, Bagnaia ci prende gusto

MotoGP Misano 2021, Bagnaia ci prende gusto

Pecco e la Desmosedici di nuovo davanti a tutti: a Misano esaltano gli appassionati sfoggiando inediti punti di forza. Un sorprendente Bastianini completa la festa.

Partito dalla Pole, Francesco Bagnaia vince di nuovo, confermando il proprio stato assoluto di forma e la Ducati Desmosedici GP21 lo asseconda in maniera perfetta. Una vittoria diversa da quella ottenuta al termine del corpo a corpo contro Marc Marquez ad Aragon, ma egualmente difficile. Questa volta il pilota torinese del Team Lenovo è stato la preda irraggiungibile per Fabio…

Partito dalla Pole, Francesco Bagnaia vince di nuovo, confermando il proprio stato assoluto di forma e la Ducati Desmosedici GP21 lo asseconda in maniera perfetta. Una vittoria diversa da quella ottenuta al termine del corpo a corpo contro Marc Marquez ad Aragon, ma egualmente difficile.

Questa volta il pilota torinese del Team Lenovo è stato la preda irraggiungibile per Fabio Quartararo, nonostante il francese si sia ritrovato premiato da una scelta di gomme che lo hanno reso arrembante nell’ultimo terzo di gara. Bagnaia è stato di nuovo perfetto – come nello scontro fisico con Marquez – ma, giocando benissimo il ruolo della preda, la trama del film che lo ha condotto primo al traguardo è stata diversa.

quartararo-misano-2021

È riuscito a non farsi prendere e ad evitare che il pilota della Yamaha, capofila della classifica, potesse anche solo arrivare a progettare il sorpasso. Fabio Quartararo è arrivato ad un soffio dal codone curioso e sgraziato della Ducati, ma nulla di più.

Così Pecco ha potuto sfoggiare il suo stato di grazia in maniera diversa, riuscendo a portare a casa il secondo successo facendo tesoro del vantaggio accumulato fuggendo via da tutti fin dalla partenza. Bagnaia e la Desmosedici, questa volta hanno saputo lottare contro il cronometro e contro la rimonta di Quartararo, che alla fine è stata veemente ma non è riuscita a risultare inesorabile: tra predatore e preda ha vinto la preda, tra Fabio e Francesco ha vinto Francesco e tra la blu Yamaha e la Ducati rossa ha vinto la moto italiana.

La Desmosedici è cresciuta, sia nelle prestazioni, sia nella continuità delle stesse, e se ad Aragon aveva permesso al suo pilota traiettorie perfette nel duello finale, a Misano, oltre alla stessa solidità ciclistica, gli ha permesso di utilizzare il tradizionale e quasi mitologico allungo che ha permesso di mantenere l’avversario a distanza.

Bagnaia-_3__UC335021_Mid

La lotta finale, anche senza sorpassi è stata emozionante. Francesco e Fabio incarnano la massima espressione della new wave che ha investito e rinnovato il parco piloti della MotoGP. La gara se la sono giocata loro, in una rincorsa che li ha lasciati senza respiro, ma non a tutti sono toccate solo le briciole della battaglia sul circuito Marco Simoncelli: un altro pilota, su un’altra Ducati, è stato fantastico.

Si è trattato di Enea Bastianini, lanciato verso il terzo gradino del podio da una gara condotta tutta all’attacco, splendida conferma di quanto di buono era stato capace di far vedere ad Aragon e – proprio per questo – tutt’altro che casuale.

moto3-gp-misano-bastianini-gara-2021-1024x681

 

Sparisce troppo presto, complice una caduta, Jorge Martin, e continua la fase buia di Zarco, a completare il weekend deficitario del Team Pramac. Jack Miller parte bene, ma scivola indietro non riuscendo a mettersi tra Pecco e Quartararo: quinto dietro a Marc Marquez.

JMiller-_1__UC335016_Mid

La MotoGP sbarcherà in America e quarantotto punti di svantaggio per Pecco non sono pochi, però l’immagine di Bagnaia a cavallo della Desmosedici nella considerazione degli avversari è cambiata!

Andrea Tessieri

Andrea Tessieri, da sempre appassionato di motociclismo sportivo, segue le tappe italiane del WorldSBK e del mondiale GP professionalmente dalla fine degli anni novanta. Collaboratore di Mondo Ducati come fotografo e giornalista fin dai primi numeri, la propensione alla studio della storia del motociclismo sportivo lo porta alla pubblicazione di Ducati Racing, nel 1999, e del più recente Ducati Legends, uscito alla fine del 2021.

Lascia un commento