Presentazione e prova della Ducati Multistrada 1200

Presentazione e prova della Ducati Multistrada 1200

Siamo stati sull’isola di Lanzarote, scelta da Ducati per il lancio della Ducati Multistrada 1200, per provare la nuova crossover.

E' la novit√† pi√Ļ attesa del 2010. Una Ducati ricchissima di contenuti, che sapr√† farsi apprezzare da una fascia di utenti molto ampia. La risposta Ducati alla crisi economica. Ecco come viene presentata la nuova Multistrada 1200 alla stampa di tutto il mondo. Una definizione che trova conferma anche nella straordinaria location che ha fatto da cornice all'evento. Non si…

E’ la novit√† pi√Ļ attesa del 2010. Una Ducati ricchissima di contenuti, che sapr√† farsi apprezzare da una fascia di utenti molto ampia.

La risposta Ducati alla crisi economica. Ecco come viene presentata la nuova Multistrada 1200 alla stampa di tutto il mondo. Una definizione che trova conferma anche nella straordinaria location che ha fatto da cornice all’evento. Non si capisce, infatti, se sia la crossover di Borgo Panigale ad essere perfetta per l’isola di origine vulcanica che fa parte dell’arcipelago delle Canarie o viceversa.

Ducati-Multistrada-1200
Uno scenario assolutamente fuori dal comune quello in cui si √® svolta la presentazione della Multistrada 1200. L’isola di Lanzarote, che fa parte dell’arcipelago delle Canarie, offre infatti panorami molto suggestivi.

Ad ogni modo, dopo la sua prima apparizione al Salone di Milano del 2009, c’era grande attesa per questo modello, tant’√® che molti appassionati e addetti ai lavori sapevano ormai quasi tutto su di lei. Rimaneva dunque solo una cosa da scoprire: se ci√≤ che era stato detto e scritto corrispondeva a realt√†! In effetti, stavolta pi√Ļ di altre, il compito non era facile: si trattava di concretizzare una specie di sogno, realizzando una moto tecnologica, ma facile da guidare, turistica ma guidabile, sportiva ma comoda.

Ne √® nato un nuovo concetto di moto, che a sua volta ha dato origine a un sistema inedito: i cosiddetti riding mode. In pratica, grazie ad essi, il carattere della moto cambia attraverso un solo click. I parametri in gioco vanno dalla mappatura del motore (quindi potenza massima ed erogazione) al settaggio delle sospensioni, passando per l’intervento del controllo della trazione.

La Multistrada 1200 S ne prevede fondamentalmente quattro: Sport, Touring, Urban ed Enduro. Con il primo, la potenza è di 150 Cv con erogazione brillante e sospensioni settate per ottenere la massima sensibilità e precisione nella guida. In questo caso, il controllo della trazione è impostato sul quarto livello degli otto disponibili.

Ducati-Multistrada-1200-frontale
La vista frontale mette in evidenza la presenza del radiatore dell’olio dietro le prese d’aria anteriori.

Nel riding mode Touring la potenza massima √® sempre di 150 Cv, ma l’erogazione √® pi√Ļ dolce e il DTC (Ducati Traction Control) √® impostato sul valore di 5 (pi√Ļ si sale e pi√Ļ l’intervento √® apprezzabile), mentre le sospensioni assicurano il giusto comfort per coprire lunghi tragitti.

Nella modalit√† Urban la potenza “scende” a quota 100 Cv, il controllo della trazione “sale” al livello 6 e le sospensioni assumono una taratura specifica per superare i tipici ostacoli cittadini (come dossi, tombini e quant’altro).

Ducati-Multistrada-1200-particolari-piastra-motore
A sinistra un particolare del bicilindrico Testastretta 11¬į, a destra un dettaglio della forcella regolabile elettronicamente.

Infine, con il riding mode Enduro, la nuova Multistrada 1200 S si alza di ben 2 cm al retrotreno, grazie a un particolare assetto delle sospensioni, cui fa da contraltare una potenza massima di 100 Cv con erogazione uguale alla modalit√† Urban e un controllo della trazione ridotto al minimo (livello 2). Il tutto, con possibilit√† di avvalersi o meno dell’ABS presente di serie (e disponibile come optional, cos√¨ come le sospensioni elettroniche, sulla versione Base), oltre che di impostare il tipo di carico (solo pilota, pilota con passeggero, pilota con bagagli, pilota con passeggero e bagagli) per ogni riding mode e di personalizzare questi ultimi a piacimento.

Ducati-Multistrada-1200-catena
Il forcellone di tipo monobraccio realizzato in alluminio pressofuso.

La versione S (quella protagonista del test) viene proposta in due allestimenti: Sport e Touring. La prima prevede alcuni accessori in fibra di carbonio (come i copricinghie della distribuzione, le prese d’aria anteriori, il parafango posteriore e i deflettori), mentre la seconda √® caratterizzata dalle borse laterali, dalle manopole riscaldate e dal cavalletto centrale.

Una vasta gamma di soluzioni per un unico prodotto, che a livello di design tiene fede a quelli che sono i canoni Ducati. Il forcellone monobraccio, il codone compatto, il doppio gruppo ottico (in stile 1198) e il parafango anteriore con prese d’aria integrate (come sulla Hypermotard) sottolineano un family feeling cui la Multistrada 1200 non vuole rinunciare, anche se per contro non crea un collegamento diretto, a livello visivo, con l’omonima versione di 1100 cc.

Semmai questo filo conduttore √® a livello di contenuti, dove, ad esempio, l’ergonomia gioca un ruolo fondamentale, cos√¨ come il peso contenuto (189 Kg a secco), la capacit√† di carico (si arriva fino a 130 litri) e l’impostazione generale, con il manubrio largo, una buona luce a terra e una dotazione in termini di pneumatici tale da coprire una larga fascia di situazioni diverse.

Ducati-Multistrada-1200-monografia
Durante la prova abbiamo utilizzato giubbotto e guanti Alpinestars, stivali Diadora, casco Scorpion, pantaloni Draggin Jeans e paraschiena Zandonà.

Rispetto alla versione a due valvole, la 1200 aggiunge un serbatoio decisamente pi√Ļ capiente (20 litri, che assicurano un’autonomia fino a 400 Km), una migliore protezione aerodinamica (grazie al parabrezza regolabile), la comodit√† di alcune soluzioni tecnologiche (come quella, denominata hands free, che permette di accendere il veicolo mantenendo le chiavi in tasca), alcuni dettagli utili per un eventuale utilizzo in fuoristrada (vedi la protezione in alluminio sotto la coppa dell’olio e le pedane dentate con inserti removibili in gomma) e, ovviamente, le prestazioni del bicilindrico Testastretta 11¬į!

Si chiama cos√¨ per via della minore fase di incrocio che sussiste tra le valvole di aspirazione e scarico (di cui √® stata ridotta anche l’alzata) rispetto al motore della 1198, pari appunto a 41¬į contro gli 11¬į dell’unit√† che equipaggia la nuova Multistrada. In questo modo, √® stato possibile ottenere una combustione pi√Ļ regolare, minori consumi e, di conseguenza, minori emissioni inquinanti (vengono dichiarati 5 litri di carburante per percorrere 100 Km a una velocit√† costante di 120 Km/h).

Come detto, la potenza massima in modalit√† Sport √® pari a 150 Cv a 9250 giri, mentre la coppia √® di 12,1 Kgm a 7500 giri. Per ottenere questi risultati, i tecnici Ducati hanno impostato un rapporto di compressione pi√Ļ basso rispetto a quello che caratterizza i propulsori della gamma Superbike, con un valore di 11,5:1 contro i 12,7:1 della 1198.

Al pari di altre unit√† che lo hanno preceduto, il Testastretta 11¬į impiega la tecnologia Vacural per la fusione dei carter e assicura quindi un risparmio di peso a parit√† di resistenza strutturale.

Inoltre, prevede un volano pi√Ļ pesante, √® stato rivisto a livello di fluidodinamica e all’alimentazione dispone di nuovi corpi farfallati a sezione ovale (pi√Ļ piccoli rispetto a quelli della 1198) con iniettori posti sotto le farfalle.

Il motore della Multistrada 1200 rappresenta una novit√† assoluta, nell’ambito delle Ducati di serie, per la presenza del cosiddetto ride by wire, il sistema che regola la potenza erogata non pi√Ļ attraverso il cavo collegato alla manopola dell’acceleratore, ma grazie a una centralina elettronica che gestisce il rapporto tra l’apertura del comando del gas e quella delle farfalle non solo in base al regime di rotazione, ma anche alla marcia inserita.

Ciò significa che il ride by wire attua una diversa erogazione della potenza in ogni singola marcia.

Un’altra novit√† importante introdotta dal Testastretta 11¬į √® poi la frizione in bagno d’olio che, oltre a essere pi√Ļ silenziosa e a richiedere minor manutenzione, assicura altri due vantaggi: essendo servoassistita occorre un carico inferiore da applicare alla leva (7,5 Kg contro i 10 Kg della 1198) ed √® dotata di sistema antisaltellamento che previene il chattering della ruota posteriore nelle repentine scalate.

Sempre in tema di trasmissione, il cambio √® caratterizzato da una speciale rapportatura con cui la velocit√† massima (di circa 255 Km/h) viene raggiunta in quinta, mentre la sesta rappresenta quella che in inglese viene definita “fuel economy gear”, tale da garantire consumi inferiori nei trasferimenti a velocit√† di crociera.

Il telaio della nuova Multistrada 1200 √® di natura composita, con la parte anteriore a traliccio, come da tradizione Ducati, vincolata a due piastre centrali in alluminio pressofuso, alle quali √® a sua volta fissata quella posteriore, che prevede una porzione tubolare e una realizzata in tecnopolimeri. Il risultato consiste in una struttura che vanta il 19% di rigidezza torsionale in pi√Ļ rispetto alla Multistrada 1100.

Il telaietto anteriore, cui √® delegata la funzione di sostenere il gruppo ottico, la strumentazione e altri particolari, √® realizzato in magnesio, mentre il forcellone, di tipo monobraccio e lungo 565 mm, √® in alluminio pressofuso e favorisce il particolare layout dell’impianto di scarico a doppia uscita sul quale, a detta del Direttore Tecnico Veicolo, l’Ingegner Andrea Forni, √® stato condotto un apposito studio affinch√©, oltre a rispettare i vincoli fonometrici e quelli relativi all’inquinamento, fosse in grado di riprodurre fedelmente il tipico “sound Ducati”. Il suo design compatto facilita la predisposizione per le borse laterali, centralizza le masse e limita la trasmissione di calore al pilota e al passeggero.

Multistrada-1200
La presenza delle borse laterali sulla versione Touring non penalizza affatto l’equilibrio dinamico del veicolo, neppure alle alte velocit√†.

Come anticipato, la versione S √® equipaggiata con sospensioni √Ėhlins gestite dall’innovativo sistema DES (Ducati Electronic Suspension). La forcella a steli rovesciati da 48 mm, dotata di piedino forgiato ad attacco radiale, ha entrambi i freni idraulici (compressione ed estensione) regolabili elettronicamente, mentre il monoammortizzatore, della pregiata serie TTX (come sulle migliori supersportive), prevede questa possibilit√† anche per il precarico molla.

Oltre ai settaggi preimpostati per i quattro riding mode, tramite il cruscotto è possibile personalizzare (e memorizzare) la taratura delle sospensioni agendo su ogni loro singolo parametro, grazie a una centralina dedicata che comanda gli attuatori collegati ad esse.

Il pannello di controllo integrato nella strumentazione digitale serve anche per regolare a piacimento il controllo della trazione e dà informazioni utili su una notevole quantità di valori, quali velocità, giri motore, ora, marcia inserita, livello carburante, percorrenza totale e due percorrenze parziali, temperatura acqua, autonomia, consumo carburante e temperatura aria (con allarme in caso di possibilità di gelo).

L’impianto frenante √® composto, all’avantreno, da una coppia di dischi da 320 mm con altrettante pinze a quattro pistoncini e due pastiglie, mentre il singolo disco posteriore da 245 mm prevede una pinza a due pistoncini. Come detto, la versione S ha l’ABS di serie, mentre sulla Base questo dispositivo pu√≤ essere installato come optional. In ogni caso, esso pu√≤ essere disinserito manualmente (magari in funzione dell’utilizzo in fuoristrada), ma per motivi di sicurezza si riattiva ad ogni avviamento.

Ducati-Multistrada-1200-sella
La sella √® molto comoda e offre un ottimo appoggio posteriore grazie alla porzione per il  passeggero. L’unico inconveniente pu√≤ consistere nella sua eccessiva altezza (850 mm da terra), per questo ne √® prevista anche una versione pi√Ļ bassa di 25 mm.

Ducati Multistrada 1200: dicono di lei

Ecco alcuni commenti “a caldo” espressi dai colleghi della stampa specializzata durante il lancio internazionale della nuova Multistrada 1200. A loro la parola:

Alessio Aldrovandi – Motosprint 

Mi √® piaciuta molto! L’ho trovata pi√Ļ agile di quello che mi aspettavo. Inoltre, il carattere della moto pu√≤ essere modificato in vari modi grazie all’elettronica. Talvolta, il ride by wire introduce un piccolo ritardo rispetto all’apertura del gas, mentre a me piace una connessione pi√Ļ diretta, soprattutto considerando che si tratta di una Ducati. Bella l’impostazione di guida, anche se i conducenti pi√Ļ bassi sono un po’ penalizzati; funzionali gli specchietti e ottimo l’angolo di sterzata. Inoltre trasmette tanta leggerezza e ha un ottimo bilanciamento.

Michele Losito – Superbike Italia

E’ decisamente una Ducati, nel senso che ha un carattere pi√Ļ aggressivo rispetto ai diretti competitor, anche se le varie modalit√† di guida cambiano effettivamente il temperamento della moto. Personalmente, preferisco la Touring con un po’ pi√Ļ di precarico al monoammortizzatore, in modo da trasferire maggior peso sull’avantreno. L’aspetto che mi √® piaciuto di meno √® la frenata, con troppa corsa sia davanti che dietro. Discreta √® invece la protezione aerodinamica, anche se le spalle sono comunque esposte. La strumentazione √® molto bella e completa, oltre che facile da usare.

Maurizio Vettor – In Sella

Molto bella. Nella modalit√† Urban assomiglia alla diretta avversaria tedesca, mentre nella Sport diventa una vera Ducati con manubrio alto. E’ comoda e facile da usare, ha un ampio angolo di sterzata e un ottimo bilanciamento. Non mi √® piaciuto il freno posteriore, mentre l’anteriore va bene, considerando l’utenza di questo modello. Sufficiente la protezione aerodinamica, contenute le vibrazioni. Bellissima la strumentazione, anche facile da capire. Impressionanti le gomme, performanti come quelle supersportive!

Marco Bencini – Euromoto

La posizione in sella mi √® piaciuta. Il parabrezza √® funzionale, anche se rimangono scoperte le spalle. Il motore √® piacevole nella modalit√† Touring, anche se la risposta √® un po’ ritardata, mentre con la Sport √® pi√Ļ aggressiva. Si avverte il cambio di registro anche a livello di sospensioni. La moto diventa pi√Ļ precisa ed efficace. Le vibrazioni sono poche, il cambio ha una corsa leggermente troppo lunga, gli specchietti sono ottimi e la strumentazione √® completa. Farei un plauso anche alla tonalit√† di scarico e agli ottimi pneumatici Pirelli. Non mi √® piaciuto troppo, invece, l’ABS.

Riccardo Capacchione – Due Ruote, Motonline.com

L’impostazione di guida l’ho trovata comoda e funzionale. La differenza tra i vari riding mode √® facilmente avvertibile. La modalit√† Touring si adatta a una guida rilassata, per le lunghe percorrenze, mentre la Sport √® la classica impostazione Ducati, con motore reattivo e le sospensioni rigide, ma efficaci. Ho apprezzato anche la Urban, che permette di contare su un motore fluido e su un ottimo comfort. Anche la modalit√† Enduro √® funzionale al tipo di utilizzo, quindi devo riconoscere che l’elettronica si rivela assolutamente utile.

Christopher Carlotti – Motociclismo

La sella √® alla giusta altezza e ottima √® la triangolazione tra manubrio, sella e pedane. Il comfort √® buono, sia per il pilota che per il passeggero. Il motore √® godibile, perch√© la potenza non mette in crisi il conducente grazie alla possibilit√† di variare la mappatura. Le sospensioni sono ottime e l’avantreno trasmette una sensazione di agilit√†. Al tempo stesso, per√≤, la moto √® stabile, soprattutto in modalit√† Sport. L’impianto frenante anteriore, invece, andrebbe rivisto in termini di prontezza nella risposta, anche se la potenza c’√®. Ottimo anche il giudizio sugli specchietti e sulla strumentazione, mentre il sistema di accensione senza chiave non √® troppo intuitivo.

Aldo Ballerini – Super Wheels

Colpisce per la sua leggerezza. Sembra una 750 invece che una 1200. Proprio per questo motivo, per√≤, si fa un po’ fatica a sentire l’avantreno, anche se con la modalit√† Sport la situazione migliora. Il suo punto di forza √® in uscita di curva, quando si spalanca il gas e la moto rimane ancorata ai pneumatici, proiettandoti fuori con una spinta entusiasmante. Ho trovato leggermente troppo basse le pedane, mentre la sella va bene. Non mi √® piaciuto tanto il freno posteriore, tant’√® che ho preferito disinserire l’ABS. Il motore comunque √® fantastico, in ogni riding mode, anche se il bello arriva agli alti regimi, quindi preferisco lo Sport!

Lorenzo Gargiulo – Mototecnica

La differenza rispetto al modello a due valvole √® notevole. C’√® stato proprio un cambio di filosofia alla base del progetto. Questa √® una vera moto da turismo, anche se le possibilit√† enduristiche sono abbastanza limitate. La maneggevolezza √® ottima e il motore fin troppo esuberante nella modalit√† Sport. Bello √® il fatto di avere le sospensioni regolabili elettronicamente e ottima, secondo me, √® la taratura dell’ABS, che non √® per niente invasiva. Pregevole il vano sotto la sella e l’aggancio per le borse laterali.

Stefano Cordara – Motorbox.com

Incarna lo spirito Ducati. Il lavoro fatto con l’elettronica √® eccellente. Il motore mi √® piaciuto molto e approvo le scelte fatte per definire i riding mode, che sono anche semplici da impostare. Mi ha convinto un po’ meno la posizione di guida che, secondo me, avrebbe dovuto contare su un manubrio pi√Ļ alto. Cos√¨ si ha la sensazione di avere un avantreno non proprio piantato in terra. Con la modalit√† Sport, la moto minimizza questo aspetto, diventando pi√Ļ precisa, ma la sensazione rimane. Mi √® piaciuta anche la modalit√† Urban, soprattutto per quanto riguarda il motore. La frenata √® migliorabile, non tanto per la potenza, quanto per la corsa dei comandi. Ottime le gomme. Se si desidera un prodotto con un forte carattere √® la moto giusta, una delle migliori Ducati mai realizzate.

La moto √® dotata di¬†due vani portaoggetti, uno (pi√Ļ piccolo) situato di fianco alla strumentazione e uno (pi√Ļ grande) sotto la sella, ai lati della quale sono presenti¬†due prese di corrente a 12 V. Il¬†navigatore GPS Garmin, previsto tra i numerosi accessori del catalogo Ducati Performance e montato sugli esemplari in prova, gode invece di uno specifico connettore nella parte anteriore della plancia.

La nuova Multistrada 1200, che¬†costa 14.900 Euro in versione Base¬†e¬†18.900 in versione S, rappresenta infine il modello pi√Ļ economico nel listino dell’azienda bolognese per quanto riguarda la manutenzione. Grazie a materiali di ultima generazione, a stress termici inferiori, il Testastretta 11¬į prevede la¬†registrazione delle valvole ogni 24.000 Km, invece che ogni 12.000.

Del resto, stando a quanto dichiarato dalla stessa Ducati, pare che il prototipo di questa maxienduro stradale abbia percorso oltre 200.000 Km di collaudi prima del definitivo via libera alla produzione!

Ducati Multistrada 1200: come va

La nuova Multistrada 1200 si distingue gi√† a partire dalla modalit√† di avviamento. Basta avvicinarsi alla moto con le¬†chiavi in tasca,¬†spingere prima verso il basso e poi verso l’alto il pulsante di massa¬†(facendo accendere il quadro),¬†premere il pulsante di contatto¬†e, dopo appena un istante,¬†il Testastretta 11¬į prende vita¬†emettendo una timbrica che, in effetti, ha il pregio di essere ancora pienamente riconoscibile. Si tratta di una procedura che, all’inizio, pu√≤ richiedere un minimo di pratica, ma che risulta tutt’altro che complicata.

La vera e propria presa di contatto con la¬†crossover Ducati¬†colpisce invece per la¬†compattezza¬†che mette in mostra a dispetto della voluminosit√† esibita in foto. Una sensazione che permane anche una volta saliti a bordo, nonostante la sella possa creare qualche imbarazzo ai conducenti di statura pi√Ļ bassa (per questi ultimi, comunque, √® disponibile anche una sella “low version” che dista da terra 25 mm in meno rispetto agli 850 mm previsti da quella standard).

Ducati-Multistrada-1200-2k10
L’impianto di scarico, oltre ad avere un bel sound, ha il pregio di centralizzare le masse, rimanendo lontano dal pilota e facilitando la predisposizione per le borse.

Ad ogni modo, messa in relazione alla cilindrata, la stazza del veicolo è assolutamente contenuta e lo stesso vale per il peso. Non appena si percorrono i primi metri, ci si rende conto che il valore dichiarato dalla Casa, pari a 217 Kg con tutti i liquidi, è del tutto verosimile, se non addirittura superiore a quello realmente percepito.

Il merito sembra essere, oltre che del lavoro svolto a livello di alleggerimento generale del veicolo, dell’ottimo bilanciamento¬†in termini di centralizzazione delle masse (pilota compreso) e delle principali quote ciclistiche. L’interasse di 1530 mm e l’inclinazione del cannotto di sterzo pari a 25¬į, per un’avancorsa di 110 mm, garantiscono infatti un¬†apprezzabile compromesso tra agilit√† e rigore direzionale, anche se a questo punto entrano subito in gioco i riding mode.

Passando da Touring a Sport, ad esempio, si ha modo di apprezzare come il feeling con la ruota anteriore migliori sensibilmente, trasformando una sensazione di leggera vaghezza in un avantreno preciso e reattivo, come quello di una Ducati tradizionale.

Allo stesso tempo, la connessione tra la manopola destra e la ruota posteriore diventa pi√Ļ diretta, senza quel piccolo ritardo nella risposta che si ha nella modalit√† turistica. La cosa interessante da notare √® che entrambi gli aspetti, assetto e propulsore, influiscono di pari passo ai fini della guida e vengono quindi effettivamente a costituire un “pacchetto” unico; il riding mode appunto.

I riding mode introducono un nuovo modo di relazionarsi con il veicolo: motore e ciclistica diventano una cosa sola.

Selezionando la modalit√† Urban, la diminuzione di potenza √® palese, ma altrettanto piacevole √® la¬†fluidit√† dell’erogazione, che permette di gestire il gas senza troppi patemi, potendo tra l’altro contare su un raggio di sterzata molto ampio, ottimo per zigzagare nel traffico o compiere inversioni a U, e la morbidezza delle sospensioni, capaci di digerire le piccole irregolarit√†, anche quelle a breve distanza l’una dall’altra che, di solito, tendono a scomporre l’assetto, oltre che a penalizzare non poco il comfort di guida.

Ducati-Multistrada-1200-enduro-mare
Con il riding mode Enduro ci si può permettere anche qualche escursione in fuoristrada, contando su una taratura delle sospensioni in grado di copiare abbastanza bene le asperità e su un motore depotenziato a 100 Cv.

Prova del nove è il tratto di fuoristrada che abbiamo affrontato durante il test e che, a dispetto di un fondo compatto con buche di media entità, permetteva, una volta impostato il riding mode Enduro, di viaggiare a velocità di 70-80 Km/h senza avvertire particolari sollecitazioni su manubrio e pedane!

Inoltre, in tutte le modalit√†, tranne che in quella da off-road, non si avverte quasi mai l’intervento del controllo della trazione, almeno rimanendo nei limiti di una guida priva di eccessivi rischi. Questo lo si deve anche agli ottimi¬†Pirelli Scorpion Trail¬†(con l’inedito posteriore da 190/65) che l’azienda lombarda ha sviluppato appositamente per questo progetto, dopo aver curato anche l’equipaggiamento del modello a due valvole fin dal suo debutto nel 2003.

Bisogna riconoscere che non era facile realizzare un pneumatico adatto a cos√¨ tanti contesti diversi eppure, grazie alla tecnologia bimescola (pi√Ļ dura nel centro del battistrada, per assicurare percorrenze adeguate, e pi√Ļ morbida ai lati, per ottimizzare il grip in curva) ci sono riusciti in pieno, tant’√® che di fronte a una moto con contenuti cos√¨ innovativi, diventa quasi impossibile ripartire i meriti tra veicolo e pneumatici.

Di sicuro, la Multistrada 1200 fa quello che dice, nel senso che si adatta abbastanza bene a percorsi e condizioni in apparente antitesi tra loro, come un rettilineo perfettamente liscio dove si viaggia a 250 Km/h e una pietraia in salita che conduce alla spiaggia di turno, e lo fa proprio grazie alla tecnologia e alla componentistica che la supportano.

Tra questi, l’ABS √® forse quello che si discosta maggiormente dagli standard cui sono abituati i clienti della Casa di Borgo Panigale.

Sia all’anteriore che al posteriore,¬†l’impianto frenante √® contraddistinto da una corsa piuttosto lunga¬†da parte dei rispettivi comandi e da una sensazione di leggera spugnosit√†. Si tratta di una caratteristica che non toglie assolutamente efficacia all’impianto e che risulta giustificata dalle qualit√† del mezzo e in perfetta sintonia con alcuni riding mode, ma che potrebbe portare qualche ducatista a disinserire il dispositivo in favore di una maggiore sensibilit√†.¬†Apprezzabile √® invece la riduzione di carico applicata alla leva della frizione, che √® pertanto meno affaticante del solito, anche al termine di un’intera giornata in sella. Semmai, il rovescio della medaglia √® costituito da una progressivit√† di intervento che concentra la sua azione nella prima parte della corsa utile, come gi√† avevamo riscontrato sul¬†Monster 696.

Il reparto di trasmissione può inoltre contare su un cambio eccellente per la rapidità e la precisione negli innesti, oltre che per la grande morbidezza del suo comando, coadiuvato dalla funzione antisaltellamento della frizione stessa, che consente di scalare le marce in tutta tranquillità, certi che il retrotreno della Multistrada rimarrà lì al suo posto.

Ducati-Multistrada-1200-2010

Allo stesso modo,¬†la protezione aerodinamica assicura un buon riparo nella zona del casco¬†(ma solo quando il parabrezza √® regolato nella posizione pi√Ļ alta), mentre¬†pi√Ļ scoperte rimangono spalle e braccia.

Del tutto¬†ininfluenti ai fini della stabilit√† sono invece le borse laterali¬†previste dalla versione Touring, che tra l’altro risultano anche di facile installazione/rimozione.

In qualunque riding mode si trovi, la Multistrada 1200 associa un livello di vibrazioni davvero contenuto per gli standard di un bicilindrico di grossa cilindrata e quelle poche sollecitazioni avvertibili su manubrio e pedane si rivelano comunque di natura non fastidiosa. Il piacere di guida è implementato anche dalla funzionalità degli specchietti retrovisori, ampi e facilmente regolabili, e dalla completezza della strumentazione, una vera gioia per gli occhi di chi guida grazie alla disposizione molto intuitiva dei vari indicatori.

Comfort e sportivit√† si fondono¬†dunque in un veicolo che non solo ha il pregio di unire questi due opposti, ma riesce addirittura a miscelarli in percentuali diverse a seconda dell’utilizzo.

Certo, la Multistrada 1200 costa tanto, soprattutto nella versione S (che poi √® quella pi√Ļ interessante sotto ogni punto di vista), ma √® anche la prima moto al mondo a proporre dei contenuti cos√¨ innovativi. Storicamente parlando, dunque, la palma di precursore spetta a Ducati di diritto. Agli altri, invece, adesso non rimane che adeguarsi.

Foto Milagro

multistrada_1100_treblanche

Ducati Multistrada 1100: monografia

La storia della Multistrada di Treblanche, così esteticamente difficile, ma anche così piacevole da guidare, giunge con il modello 1100 alla sua conclusione.

Questo contenuto è riservato ai soli abbonati.
Abbonandoti a Cuoredesmo.com avrai accesso illimitato ai contenuti e non visualizzerai pi√Ļ i banner pubblicitari. Contribuirai inoltre a sostenere il progetto "Cuoredesmo", il riferimento online per la tua passione Ducati. Accedi Abbonati
Potrai scegliere fra:
  • Abbonamento mensile al sito 3 ‚ā¨
  • Abbonamento trimestrale al sito 6 ‚ā¨
  • Abbonamento annuale al sito 20 ‚ā¨
  • Abbonamento annuale al sito + abbonamento 1 anno alla rivista Mondo Ducati 30 ‚ā¨

Lascia un commento