Asta da record per la Ducati “Unicorno” del 1965

Asta da record per la Ducati “Unicorno” del 1965

Sarà battuta all’asta nel weekend del 25- 26 aprile la Ducati Unicorno. Esemplare unico che non ha mai corso.

Le preziose moto del Museo Morbidelli saranno messe all'asta, tra il 25 ed il 26 aprile, dalla famosa casa d'aste Bonham's nella contea dello Staffordshire, in Inghilterra. Tra tutti i modelli, uno spicca per la sua unicità ed il valore che potrebbe raggiungere durante l'asta; la stima di partenza è stata infatti stimata fra i 460.000 ed i 690.000 euro.  Si tratta della Ducati…

Le preziose moto del Museo Morbidelli saranno messe all’asta, tra il 25 ed il 26 aprile, dalla famosa casa d’aste Bonham’s nella contea dello Staffordshire, in Inghilterra.

Tra tutti i modelli, uno spicca per la sua unicità ed il valore che potrebbe raggiungere durante l’asta; la stima di partenza è stata infatti stimata fra i 460.000 ed i 690.000 euro. 

Si tratta della Ducati 125 quattro cilindri, soprannominata Unicorno, progettata dall’Ingegnere Fabio Taglioni sul finire degli anni cinquanta.

asta-ducati-unicorno
La moto, una quattro cilindri di 125cc, non ha mai corso. Il regolamento FIM ne blocco ogni velleità agonistica con l’introduzione dei limiti di frazionamento per limitare i costi.

La moto da Gp è un esemplare unico che non ha mai gareggiato. Accreditata di 23 cavalli a 15.000 giri/min sembra che la moto superasse i 200 km all’ora
Quando la piccola monoposto venne completata, nel 1958, la FIM introdusse dei limiti di frazionamento per contenere i costi del campionato. La Unicorno non fece neppure una corsa e di lei si persero le tracce.

asta-ducati-gp-1965-125-museo
Il piccolo quattro cilindri da 125 cc erogava 23 cv a 15.000 giri/min.


La storia narra che dopo parecchi anni di silenzio ed oblio fu ritrovato il motore in Lettonia ed il telaio in Croazia.

Una volta riunita, la moto ha trovato posto nella 
collezione del Museo Morbidelli che, nel 2019, a causa di conflitti tra enti locali e finanziatori è stata prima messa in vendita e successivamente, vista la mancanza di compratori sul territorio italiano, esportata in Inghilterra dove fra qualche settimana sarà battuta all’asta.

Lascia un commento